Categoría: Letras Disco Malinconoia

1

Chi fa da sé.

Chi fa da sé. (Bigazzi – Masini) Bambino mio che stai per diventare un uomo mi dissero gli zii presto ci rivedremo è come un collegio si mangia bene e poi appena guarisci ritornerai con noi e son guarito sì gli anni ti fanno forte finchè il custode aprì quelle pesanti porte da solo, di marmo la testa dura che spaccava gli inverni che avevo dentro me Chi fa da...

0

Ti vorrei.

Ti vorrei. (Masini – Bigazzi – Dati) Ti vorrei nel chewin-gum mentre vado a lavorare in tram ti vorrei solo al bar ti vorrei come una mamma al C.A.R. ti vorrei dentro i jeans quarta donna del mio triste tris ti vorrei con la «V» ti vorrei che non ne posso più. Nel letto insoddisfatto io ti vorrei mentre accarezzo il gatto io ti vorrei quando la notte spegne tutto...

0

La voglia di morire.

La voglia di morire. (Bigazzi – Falagiani – Masini) Se perso in un tramonto vuoi sparire con il sole giù nel mare dove muore lui Se la forchetta torna su ma senza cibo perchè sa che la tua bocca non ci sta e se la bocca non vuol più trovare verità e bugie se gli occhi sono un velo blu ma senza stelle nè poesie Se ti chiudi dentro te...

0

Perché lo fai.

Perché lo fai. (Masini – Bigazzi – Manzani) Con questa pioggia nei capelli perchè lo fai con questi occhi un pò fanciulli e un pò marinai per una dose di veleno che poi dentro di te non basta mai. Con le tue mani da violino, perchè lo fai tu che sei rosa di giardino dentro di me come un gattino sopra un tetto di guai dimmi perchè, perchè lo fai....

0

Fuori di qui.

Fuori di qui. (Masini – Bigazzi – Dati – Manzani) Fuori di qui prima che telefoni a sua moglie tutti i mercoledì lavoravi sì ma con le sue voglie fuori di qui lui potrebbe essere tuo padre e tu in macchina lì la tua bocca che si apre e si chiude Va fuori di qui prendi tutti i misteriosi regali tu fai rima con gioia ma sei solo una noia...

0

Il niente.

Il niente. (Bigazzi – Masini – Dati) Mi alzo ma è meglio se torno a dormire mi metto a studiare ma senza capire col vuoto che avanza e ti stritola il viso un dio che ti scaccia dal suo paradiso. Non vado neanche a cercarmi un lavoro a fare concorsi e poi vicono loro è tutto veloce violento incosciente ci provo a capire e mi perdo nel niente il niente...

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

ACEPTAR
Aviso de cookies